Liceo biomedico

Report a Cosenza di Simona Loizzo sul progetto di legge liceo biomedico in Parlamento

Categories: CulturaPublished On: Novembre 28, 2023

Condividi

Simona Loizzo è prima firmataria come deputata della Lega per Salvini di una legge che regolamenti l’Istituzione dell’opzione biomedica nei corsi di studio dei licei classico e scientifico. Opzione che nasce in Calabria, grazie all’intuito di Giusy Princi, oggi assessore all’istruzione della Regione e al tempo dirigente del Liceo Da Vinci di Reggio Calabria. Dal 2017 e’ partita una sperimentazione ancora in atto che coinvolge 300 licei e 60000 studenti che possono affrontare i test dell’accesso alla facoltà di medicina usufruendo di una preparazione idonea fornita dalla scuola pubblica senza dover ricorrere alle scuole private che da troppo tempo costruiscono guadagni lasciando spesso escluse famiglie che non possono permettersi l’accesso. Quel seme piantato dalla dirigente Princi e’ stato raccolto da Simona Loizzo, da sempre attenta alla segnalazione dei cittadini, che su sollecitazione del rappresentante dei genitori del liceo Telesio di Cosenza, l’avvocato Stellato e del preside Iaconianni si è fatta promotrice del citato progetto di legge che consenta ai ragazzi attraverso un esame finale sostenuto su scala nazionale riservato ai frequentanti del Liceo biomedico l’accesso diretto alla facoltà di medicina. E non mancando allo stato di verifica degli avanzamenti, Simona Loizzo insieme a Giusi Princi all’Ordine dei Medici di Cosenza hanno concluso un convegno tematico dedicato alla proposta che ha registrato l’intervento dei Licei Fermi e Telesio che con successo stanno portando avanti la sperimentazione. I numerosi studenti che hanno partecipato all’iniziativa hanno particolarmente apprezzato l’intervento di Maria Giovanna Rizzuto, oggi studentessa di Medicina grazie all’esperienza del Liceo Biomedico e di Antonio Scalzo, attualmente studente del quarto anno del Telesio, che ha raccontato il suo work in progress che lo condurrà verso il test di accesso.
Un percorso di innovazione e perfezionamento reso possibile dall’intuizione e dell’applicazione al servizio di due donne calabresi: Giusy Princi e Simona Loizzo.

Tieniti aggiornato

Iscriviti alla mia newsletter

Leggi anche

Perché sostengo l’autonomia differenziata

Perché sostengo l’autonomia differenziata Condividi È necessaria un’opera di verità, scevra da pregiudizi ideologici e da tifoserie territoriali, per comprendere a pieno le novità che [...]